Info: Il tuo browser non accetta i cookie. Se vuoi utilizzare il carrello e fare acquisti devi abilitare i cookie.
E-mail
Lecturæ arrow In fondo al cuore un solo desiderio

  Francesco Rovida



In fondo al cuore un solo desiderio


pp. 304
Numero catalogo 71
ISBN 9788870189247

Prezzo: €22,00

Chiedi un'informazione riguardo questo prodotto
 
 

“Ormai tutte le mattine mi avvio al lavoro che fa buio. È suggestivo e curioso nello stesso tempo vedere la turba di uomini che si avviano alle officine speditamente su questa lunga strada asfaltata, nella semioscurità velata di nebbia che fonde i contorni delle cose. È qualche cosa che sa di fiabesco e di sogno. Lasciando il campo, da ogni distacco delle baracche e poi da ogni strada del lager, sbucano a frotte gli individui che si riuniscono e si fondono in una lunga colonna che copre, a distanza di pochi passi fra gruppo e gruppo, quasi 2 chilometri. È l’esercito degli schiavi moderni che si avvia al quotidiano travaglio per una nazione che li sfrutta barbaramente. Sorgono nella mente antiche rimembranze di letture fatte, di conversazioni avute, di quadri veduti e si fanno accostamenti di idee e di impressioni. Qui vi sono uomini di tutte le razze e tutte le nazionalità che conversano, in fondo al cuore un solo desiderio: quello che la guerra finisca per tornare alla propria patria, al proprio paese, alle proprie famiglie, per godere un poco di pace, di serenità, per tornare ad avere fiducia nella vita e nell’avvenire!”

L'AUTORE

FRANCESCO ROVIDA (1905-1986), laureato al Regio Istituto Superiore di Scienze economiche e commerciali di Genova, era vicesegretario generale della SIAC quando questa e altre fabbriche del ponente genovese furono colpite, il 16 giugno 1944, da una delle più grandi operazioni di deportazione di massa mai avvenute in Italia, scattata in risposta agli scioperi delle settimane precedenti. Preso nella retata nazifascista insieme con altri 1300 lavoratori, e con loro subito trasportato a Mauthausen, è stato poi trasferito nel campo di lavoro di Kapfenberg. Durante tutto il periodo di permanenza nel lager, fino al ritorno a casa nel maggio del 1945, ha tenuto un ampio diario di note quotidiane utilizzando la stenografia Gabelsberger-Noe, di cui dal 1923 era docente.

collana: lecturae





Ultimo Aggiornamento: giovedì, 21 settembre 2017 05:11
Carrello
VirtueMart
Il carrello è vuoto.

Fichte e la compiuta peccaminosità
Fichte e la compiuta peccaminosità


Introduzione a Peter Sloterijk
Introduzione a Peter Sloterijk


L’anti-Babele
L’anti-Babele


Hortulus
Hortulus


Che la forza sia con te!
Che la forza sia con te!


Filosofia del surf
Filosofia del surf


Il cucchiaio di Dio
Il cucchiaio di Dio


UN'IMPREVEDIBILE SITUAZIONE
UN'IMPREVEDIBILE SITUAZIONE


A un metro dal palco
A un metro dal palco


Diana nel dedalo
Diana nel dedalo


Il sangue delle rondini
Il sangue delle rondini


La fabbrica dell’ateismo
La fabbrica dell’ateismo


Il caso Macbeth
Il caso Macbeth


Afghana in limina missus (La guerra di Ivan)
Afghana in limina missus (La guerra di Ivan)


L’immortalità dell’anima
L’immortalità dell’anima


Il nostro sito utilizza cookies tecnici per migliorare la navigazione e consentire l'uso delle funzioni di shopping. Per conoscere i cookies usati da questo sito, vi invitiamo a leggere la privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.