Info: Il tuo browser non accetta i cookie. Se vuoi utilizzare il carrello e fare acquisti devi abilitare i cookie.
E-mail
Novità arrow Il cielo di Kabul

  Ferdinando Rollando



Il cielo di Kabul


pp. 220
Numero catalogo 77
ISBN 9788869831164

Prezzo: €18,00

Chiedi un'informazione riguardo questo prodotto
 
 

«Confesso che se smettessi di andare in montagna, mi impegnerei di più nel coltivare la terra. Ma sono guida alpina da oltre vent’anni e ora, in Afghanistan, faccio questo bellissimo lavoro per clienti non molto diversi da quelli che ho sulle Alpi e per ragazzini afghani perché possano sperare in un futuro migliore sulle loro montagne. Tutto è iniziato a Chamonix, nel settembre 2010. Quell’anno ero già salito dieci volte in cima al Bianco. A fine stagione mi contatta Ian MacWilliam, media officer dell’Aga Khan Foundation. Abbiamo bisogno di “rinforzi” in Afghanistan, per 3 mesi: te la sentiresti di seguire un nostro progetto? L’idea è semplice e visionaria. Sviluppare il turismo invernale nella valle dei Budda, a Bamiyan – 2500 metri di quota –, la meta per eccellenza del turismo culturale giovanile degli anni Settanta».

L'AUTORE

FERDINANDO ROLLANDO (Sestri Levante, 4 marzo 1962 - Monte Bianco, luglio 2014). Adolescente, si appassiona alla montagna (gestisce il Rifugio Amianthe sul Grand Combin, in Valle d’Aosta), alla fotografia e al mare. Nel 1981 si trasferisce a Milano dove si laurea in architettura nel 1986 con una tesi sulla Valle d'Aosta, diventata nel frattempo la sua seconda patria. Nel 1989 affitta una casa a Ollomont, piccolo comune valdostano, per lavorare come architetto urbanista e prepararsi per diventare Guida Alpina. Intanto viaggia, con Alice: India (1987), Yemen (1989), Stati Uniti (1991). Nel 1991 acquista una casa a Ollomont, vecchia e abbandonata: è la prima delle sue ristrutturazioni, caratterizzate da uno stile rispettoso e innovativo, ripreso poi da altri in tutta la Valle d’Aosta. Nel 1993 e nel 1996 nascono Ernesto e Virginia, unici bambini nati a Ollomont in quegli anni. Nel 1999 la famiglia comincia a spostarsi: prima in Svizzera, poi a Lussemburgo. Nel 2004 il nuovo mondo, la Cina: come fotografo, come urbanista, come guida alpina. E nel 2010 un’altra avventura: l'Afghanistan e l'aiuto umanitario, con la fondazione di Alpistan. Il 9 luglio 2014, Nando e il suo giovane amico e cliente Jassim partono dal rifugio Gonnella in direzione del Monte Bianco. Non sono più tornati.

collana: lecturae





Ultimo Aggiornamento: mercoledì, 26 settembre 2018 10:52
Carrello
VirtueMart
Il carrello è vuoto.

La leggenda del Western
La leggenda del Western


Capitalismo come religione
Capitalismo come religione


Obsolescenza dell’umano. Gunther Anders e il contemporaneo
Obsolescenza dell’umano. Gunther Anders e il contemporaneo


Il concetto di Dio dopo Auschwitz
Il concetto di Dio dopo Auschwitz


Teresio Olivelli. Ribelle per amore
Teresio Olivelli. Ribelle per amore


Lo Chef filosofo
Lo Chef filosofo


Il Vangelo secondo Bergman
Il Vangelo secondo Bergman


Il dentista di Duchamp
Il dentista di Duchamp


La poesia è finita
La poesia è finita


Essere vegetariani nell’antica Grecia
Essere vegetariani nell’antica Grecia


Neuhumanismus
Neuhumanismus


Il boccagentile
Il boccagentile


Leopardi come educatore
Leopardi come educatore


Paradiso I-XVII
Paradiso I-XVII


Machiavelli. Becoming and virtue
Machiavelli. Becoming and virtue


Il nostro sito utilizza cookies tecnici per migliorare la navigazione e consentire l'uso delle funzioni di shopping. Per conoscere i cookies usati da questo sito, vi invitiamo a leggere la privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.